lunedì 5 giugno 2017

I Satelliti hanno quantificato la fusione annuale dell'Antartide e della Groenlandia



ANTARTIDE.  Il volume della Calotta Antartica si é ridotto negli ultimi anni. La ricerca basata sulle osservazioni dei Satelliti della NASA/German Aerospace Center’s twin Gravity Recovery and Climate Experiment (GRACE) indica che tra il 2002 e il 2016, l'Antartide ha perso circa 125 miliardi di tonnellate di ghiaccio all'anno, che hanno aumentato il livello dell'Oceano di 0,35 millimetri all'anno.                                                                                                                                                                            GROENLANDIA. Il volume della Calotta Glaciale della Groenlandia si é ridotto di 125 miliardi di tonnellate di ghiaccio all'anno, tra il 2002 e il 2016, a causa dell'aumento della temperatura. Questo ha determinato l'innalzamento del livello dell'Oceano di 0,8 mm all'anno. La ricerca si é basata sulle osservazioni dei Satelliti Twin Gravity Recovery e Climate Experiment (GRACE). CAUSE: I processi fisici che determinano un aumento del livello del mare sono evidenziati nell'animazione. Le cause principali sono dovute all'espansione termica degli Oceani, in quanto accumulano il caldo eccessivo causato dalle emissioni dei gas a effetto serra. 2) Alla fusione dei  ghiacciai, nonché ai cambiamenti nello stoccaggio delle acque sotterranee come i laghi. A livello regionale, le variazioni del livello del mare si differenziano notevolmente. Le ragioni di questo sono dovute alle modifiche di densità dell'acqua marina, che sono influenzate a loro volta dalla salinità e dalla temperatura.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

Nessun commento:

Posta un commento